Your browser doesn't support java or java is not enabled!
home | ambiente | antimafia | apache | artisti di strada | hackers | poesiazione | writers | amici

ULTIMO
Perchè
L' addio
Le idee
Le interviste
La verità
Le Autorità
Speciale

 

IL GRUPPO
Members only
L' esercito invisibile
I documenti
La Mailing List
La Chat
Iscriviti
Projeto devita !
Members go !

 

Contatta ultimo
Le vostre lettere
Due parole
GRUPPO CAPITANO ULTIMO

 

IL GRUPPO E' ONORATO DI AVERE TRA I SUOI PRIMI FONDATORI  L' AMICA JEJAY

 

 

" E TI RINGRAZIAMO PICCOLA AMICA PER LA LUCE DEI TUOI OCCHI CHE CI SOSTIENE  NEI MOMENTI PIU' DIFFICILI. "

   

Entra nel gruppo!

 

 

>> Padre Fausto Tintorio parla <<

   

 

 Egr. Sign. Gruppo Capitano Ultimo

 Milano settembre 2001  

 

LETTERA DI ASSEGNAZIONE ADOZIONE DAL PIME  

 

Vi ringraziamo per aver scelto di aderire al nostro progetto di sostegno a distanza.

Inviamo in allegato la documentazione relativa: una foto con i dati della bambina da sostenere ed alcune notizie riguardanti il Paese della bambina, la missione ed il missionario responsabile del progetto.

I riferimenti alla Vostra adozione sono:

v    Numero di adozione: n. 341

v    Numero di progetto: P/3250

v    Missionario responsabile: Padre Fausto Tintorio

v    Località: parrocchia di Madre d. Perpetuo Soccorso a Kidapawan nella missione di Arakan Valley (isola di Mindanao), Filippine

In ogni Vostra comunicazione o versamento, Vi preghiamo di riportare sempre il medesimo cognome e nome del sostenitore, il numero di riferimento della bambina ed il nome del padre missionario responsabile.

Sarà poi lo stesso padre Tintorio a tenere contatti epistolari periodici con Voi informandovi sull’andamento del progetto di sostegno a distanza.

Per notizie “individuali” si invita a scrivere direttamente al padre missionario.

Mensilmente, inoltre, riceverete il periodico Missionari del PIME che riporta notizie sui missionari, sui progetti generali dell’Ufficio Aiuto Missioni del PIME e sui progetti di sostegno a  distanza.

L’impegno richiesto è di almeno tre anni. Il versamento è rinnovabile ogni anno, spontaneamente; si chiede però di informare prontamente il PIME in caso non si intenda proseguire.

Rinnoviamo il ringraziamento per l’attenzione e la generosità con cui avete deciso di sostenere l’opera dei nostri missionari in favore dei bambini più bisognosi.

 Ufficio Aiuto Missioni

Carabelli dott. Fabrizio

 

QUALCHE NOTIZIA SULLE FILIPPINE, PADRE FAUSTO TENTORIO ED ARAKAN VALLEY

 

Gli spagnoli giunsero il 7/4/1521 nell’arcipelago con l’esploratore portoghese Magellano, ucciso a Mactan il 27 seguente. Nel 1565 giunsero i primi coloni con Miguel Lopez de Legapsi, che lo chiamò “Isole Filippine” in onore di Filippo II. Rimasero sotto la Spagna fino al 1898 quando passarono agli USA che, nel 1935, concessero un governo semi autonomo, Indipendenza: 04.07.1946. L’occupazione giapponese causò 2 milioni di morti. 

Popolazione: 8 milioni nel 1903; 19 nel 1948; 35 nel 1970; 48 nel 1988; 60 nel 1990 e ora circa 70 milioni. Circa 5 milioni sono all’estero (2 milioni in USA). 

Lingua ufficiale: prima lo spagnolo, poi l’inglese, dall’ultimo ventennio il TAGALOG (55%); l’inglese è parlato da un 45%. Poi altri 68 idiomi locali. 

Razza: malese, con minoranze cinesi, spagnole, americane, indiane, negritos, meticci. Una quarantina di gruppi etnici, con 3.500.000 di tribali.

 La popolazione vive ancora per il 68% nelle campagne. Il 57% dei filippini è sotto i 20 anni. La “grande Manila” è sui 10-12 milioni.

 Situazione politica: le Filippine vennero governate dal 1965 al 1986 dal presidente Ferdinando Marcos, dapprima democraticamente e poi dispoticamente. Dopo la “rivoluzione pacifica”, gli subentrò la presidente Corazon Aquino e poi dal 1992 al maggio 1998 il generale Fidel Ramos. L’attuale presidente è Joseph Estrada. 

Economia: Marcos lasciò 26 miliardi di dollari di debiti (47 volte di più di quanti ne trovò). Sotto Aquino ne furono pagati 18, ma ne rimasero 29 tra debiti e interessi. La moneta ( il Peso) vale circa 47 lire. Nel 1966 il Paese era al 3° posto, oggi al terzultimo per esportazioni in Asia. 

Religione: 84% cattolici; 6% aglipayani (scismatici); 4% protestanti; 4% musulmani concentrati nel sud: Mindanao, Sulu, Palawan (circa 2.500.000). 

Visite papali: Paolo VI (che fu ferito) dal 27 al 29 novembre 1970; Giovanni Paolo II il 17/2/1981 e a metà gennaio 1995. 

Il 15/4/1985 veniva ucciso a La Esperanza presso Tulunan (Mindanao), da irregolari – banditi – protestanti (governativi), il PadreTullio Favali del PIME da un anno e 5 mesi nelle Filippine, da 15 gg parroco. Primo missionario in quasi 5 secoli ad essere ucciso nelle Filippine. 

Il 20/5/1992 a Zamboanga City (nel sud, nella punta della grande isola di Mindanao) veniva ucciso anche il confratello Padre Salvatore Carzedda, questa volta da alcuni estremisti musulmani. Egli era impegnato nel “Silsilah” (=catena), associazione per il dialogo tra cristiani e musulmani, operante da anni in quelle zone e assai apprezzata da tutti.   

PADRE FAUSTO TENTORIO

Padre Fausto Tintorio è nato il 7/1/1952 a S. Maria di Rovagnate (LC). Sacerdote dal 1977, dal 1978 si trova nelle Filippine: dopo alcuni anni a Columbio, nella grande isola di Mindanao, al Sud, ora si trova sempre nella stessa Diocesi di Kidapawan, ma nella Missione di Arakan Valley, (superficie: 5.199 kmq, popolazione: 536.000, cattolici: 377.000) a 120 km. Da Columbio. Questa zona divenne tristemente famosa negli anni 80, al tempo della dittatura di Marcos, per il gran numero di uccisioni, guerriglia, repressione militare. Vi erano, infatti, e vi sono, minoranze di musulmani (Moro) e gruppi tribali, primi abitatori, quando tutto il territorio era ricoperto da foresta vergine. Poi, negli ultimi decenni, vi furono massicce immigrazioni di filippini senza terra che disboscarono e si urtarono con i primi. Da qui un caos generale. Ora regna una relativa pace.

 L’indirizzo di Padre Fausto Tintorio è:

Arakan Valley Mission – c/o Bishop’s Residence 9400 KIDAPAWAN – Cotabato – Filippine

 

ARAKAN VALLEY MISSION

La Parrocchia di Arakan Valley, dedicata alla Madre del Perpetuo Soccorso, è ad una sessantina di km da Kidapawan, a cui si fa capo per posta, telefono, acquisti. La Missione conta una cinquantina di comunità o villaggi, per un totale di 30.000 abitanti.

   


home | ambiente | antimafia | apache | artisti di strada | hackers | poesiazione | writers | amici
info@capitanoultimo.it